250 milioni di euro ai coltivatori

Terremoto Emilia Romagna

UN AIUTO CONCRETO CHE GLI AGRICOLTORI ASPETTAVANO DA DUE ANNI

11 luglio 2014. Dopo gli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, l’allora Governo Monti aveva subito emanato un decreto, poi convertito in legge, per dare un sostegno agli agricoltori delle province di Modena, Ferrara, Mantova, Bologna, Reggio Emilia e Rovigo.

La legge prevedeva di destinare 5 milioni di euro alla Società Gestione Fondi per l’Agroalimentare (SGFA) di Ismea con l’obiettivo di abbattere il costo delle commissioni per l’accesso ai finanziamenti per gli agricoltori dei territori colpiti. Purtroppo – in realtà – i fondi non sono stati mai conferiti.

Sino ad oggi, infatti, non risulta trasferito alla Società Gestione Fondi per l’Agroalimentare alcun importo per ottemperare ai dettami della legge del 2012, nonostante il 19 dicembre dello stesso anno sia pervenuta, dalla Commissione europea, l’autorizzazione al regime di aiuti previsto dal Governo (necessaria per non essere catalogati come “aiuti di Stato” ai privati, non consentiti dai regolamenti europei). Un provvedimento che aveva quindi convinto Bruxelles ma che era finito nel dimenticatoio a Roma.

Un ritardo che si è tradotto, di fatto, nell’impossibilità per gli imprenditori agricoli colpiti dal sisma di procedere alle necessarie ristrutturazioni: chi è stato colpito dal terremoto e ha visto la sua azienda agricola distrutta, non poteva richiedere i finanziamenti perchè non riusciva a pagare le relative commissioni. In questo modo si è bloccata la ripresa delle loro attività economiche, stroncate dal sisma, nonché il rilancio economico dell’intero territorio.

Su proposta del Deputato del Movimento 5 Stelle della Commissione Agricoltura Giuseppe L’Abbate, il Governo Renzi si è ora impegnato a provvedere con urgenza al trasferimento delle risorse previste – ben due anni fa – dal decreto legge n. 74 del 6 giugno 2012. Il Ministero dovrà provvedere entro e non oltre il 31 luglio prossimo.

Grazie all’impegno di Giuseppe L’Abbate, il Ministero dell’’Agricoltura si è impegnato a stornare alla Società Gestione Fondi per l’Agroalimentare di Ismea i 5 milioni di euro previsti a favore degli imprenditori agricoli residenti nei territori del terremoto del 2012. Ciò significherà potenziali crediti per 250 milioni di euro a costo zero per i coltivatori dato che i finanziamenti non avranno alcun costo in quanto coperti dai 5 milioni di euro.

 

FONTI

Ordine del giorno approvato a prima firma di L’Abbate

Decreto Legge Emilia Romagna

 

#risultatiM5S

Annunci